Storia

La località di Racciano è documentata a partire dell’anno 1271, ovvero da quando il sangimignanese Brogino di Michele donò il podere di Racciano insieme ad altri terreni nella villa di S. Lucia ai frati eremiti di S. Agostino, affinché essi vi fondassero il loro convento.

 

L’edificio della Canonica è posto tra la Chiesa, cui è collegata mediante un corridoio sopraelevato con sottopasso, e il corpo di fabbrica di origine medievale che fu il convento degli frati Agostiniani, caratterizzato sul fronte verso il cortile da un ampio arco a sesto acuto in mattoni con ghiera decorata e da tracce di archi ogivali anche sul retro.